Notizie dalla Rete della Lettura

Il Vento dei Libri per l’Infanzia

Fare spazio ai libri nella nostra vita come nella società non è mai facile, richiede un lungo lavoro, motivazione, passione, caparbietà, tempo, dedizione.

Per questo è sempre una bella notizia quando qualcuno riesce a coltivare questo spazio, e poco importa se si tratta di uno spazio reale o uno spazio virtuale, purchè si coltivi la speranza.

Oggi vi presentiamo il progetto di una rubrica dedicata ai libri per l’infanzia e l’adolescenza all’interno del Settimanale di Bagheria.

Si chiama “Il vento dei Libri per l’Infanzia”, è un appuntamento mensile curato dalla dottoressa Francined Angela Russo, pedagogista e promotrice della lettura, che prende avvio nel mese di novembre 2021.

Il nome “Il vento dei libri per l’infanzia” spiega l’autrice, richiama il vento a Trieste, significa
fortuna, il vento delle emozioni e dei sospiri, il vento della luce, dell’energia che soffia solo per chi sa accoglierlo,
ascoltarlo, amarlo. Un vento di libri per l’infanzia che arriva in arabo da Bab el gherib, dalla porta del vento”.

Ogni mese la dott.ssa Russo propone un libro, lo sfoglia e analizza, lo presenta attraverso la spiegazione dell’autore.

E’ online l’articolo di Gennaio ed è consultabile a questo link

Perchè nasce la rubrica ce lo spiega proprio la responsabile Francined Angela Russo:

“Ho constatato la quasi totale assenza o invisibilità, della letteratura per l’infanzia negli scaffali della saggistica. Perché questa marginalità della la letteratura per l’infanzia? Non per una presunta semplicità, al contrario a una sua poco riconosciuta complessità.

Dietro l’atto di scegliere, condividere, produrre i libri per i bambini, c’è un forte senso di responsabilità pedagogica e in questa rubrica mensile, si cercheranno con metodo, libri e figure di alta qualità artistica e letteraria, in quanto l’accesso al libro si intende come diritto per l’infanzia, alla cittadinanza, all’uso della parola, come esercizio di libertà, un diritto di accesso al piacere e alla conoscenza che provengono dall’esperienza estetica e poetica dell’incontro con la letteratura.

Accanto ai bambini e alle bambine, oltre al libro, vi sono i custodi dell’immaginazione, quegli adulti che filtrano, creano e scelgono i libri per loro, che siano educatori, bibliotecari, librai, autori o genitori, pedagogisti, i quali interpretano un ruolo di forte responsabilità pedagogica, in grado di offrire narrazioni alle giovani generazioni, di tramandare sogni, speranze, conoscenza e ritratti del mondo.

Con loro si tracciano percorsi in cui si scoprono, negli albi illustrati, nei libri apparentemente semplici dove dominano le figure, finestre e porte di accesso all’immaginario collettivo, alla rappresentazione dell’Infanzia e del sogno . Si reputa ”vera” letteratura per l’infanzia quando funziona per tutti, ha qualcosa da dire a tutti, ed è ricca di significato a tantissimi livelli. E’ una letteratura pensata, concepita e scritta in quanto riguardano insieme i bambini e gli adulti.”

La dottoressa Francined Angela Russo, da diversi anni impegnata nel territorio di Bagheria e comuni limitrofi, aderisce alle campagne di sensibilizzazioni per la promozione della lettura a livello nazionale promossi dal Miur, Aib, Cepell, Aie, come #libriamociascuola #ilmaggiodeilibri #ioleggoperchè #bibliopride nelle diverse istituzioni scolastiche dalla primaria ai licei e progetta attività culturali intorno ai libri, mostre, incontri con scrittori e altri professionisti della filiera del libro. Nel mese di Novembre 2020 è stata impegnata nel Mese dei diritti dall’Infanzia e dell’Adolescenza, promosso dal Comune di Palermo, Unesco, dal Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Piano infanzia e adolescenza L.285/97, RaiRagazzi, e dal Servizio Sistema Bibliotecario, Spazi Etnoantropologici e Archivio cittadino, in attività con bambini e famiglie tra la Libreria Carabà e la Biblioteca pubblica Brancaccio. Nel 2021 viene nominata dal Centro per il libro e per la lettura (Cepell), Ambasciatrice della lettura, categoria Divulgatori.