Libri, ponti tra culture

Il ruolo dei libri secondo Sheika Bodour Al Qasimi

 

Sheika Bodour Al Qasimi è la donna araba che attualmente ricopre il ruolo di Presidente dell’Associazione internazionale degli editori.

Il 9 dicembre 2021 ha rilasciato un’intervista in cui ha raccontato le sue impressioni sul mondo del libro e sulla funzione che i libri svolgono nella nostra società.

Dalla sua peculiare posizione, la Presidente scorge un movimento nuovo, che spinge le persone verso altre culture:

Qualcosa sta accadendo, io vedo la famiglia umana che gradualmente sta facendo spazio a diverse voci da ascoltare. Passo molto tempo insieme a lettori di varie parti del mondo e ad ogni fiera del libro o evento editoriale ho osservato un genuino desiderio di comprendere ed abbracciare l’altro.”

La Presidente attribuisce grande rilievo ai creativi, che non svolgono soltanto un lavoro ma una vera e propria missione, quella di dare ai libri il potere di raccontare storie e creare legami:

In questa epoca il ruolo dei creativi e dell’economia creativa non è solo gradualmente più importante, ma ha una missione importante. Dobbiamo tenere le nostre società unite attraverso il nostro comune sentire che vivere tra i libri, la musica, l’arte, il cinema, il teatro e altre forme di cultura… Dobbiamo mobilitare l’economia creativa non solo per creare posti di lavoro ed opportunità finanziarie, ma molto più importante per creare ponti e dare voce a storie non raccontate.”

Sheika Bodour Al Qasimi è convinta che i libri sono lo strumento per cambiare il mondo, ma per far ciò dobbiamo dare più spazio ai libri di altre culture:

Il potere dei libri è dimostrato da diverse ricerche. In particolare i lettori di un libro su una donna musulmana hanno fatto pochissime o nessuna affermazione razzista quando gli venivano mostrate alcune immagini.

Potete immaginare dunque che impatto sull’umanità se avessimo più libri multiculturali?

Abbiamo evidenze scientifiche del fatto che i libri possono trasformarci in persone più empatiche perché ci consentono di vedere il mondo attraverso gli occhi degli altri. Il libro concede l’opportunità di capire le realtà e le ambiguità di diverse persone provenienti da altre parti del mondo.

I libri ci danno la speranza che possiamo ancora cambiare in meglio il nostro mondo, un libro alla volta.”

 

Immagine: illustrazione tratta dal libro “Noi siamo qui” di Oliver Jeffers.